Storia

Industria e Spazio

Airline e aviazione generale

Elicotteri

Post Top Ad


AH-64E (Foto :Boeing)
Si tratta di una cifra pari a 96,9 milioni di dollari (secondo i dati ufficiali del DoD  $ 96,873,221) quella che incasserà l'azienda di Chicago, il 16 luglio scorso sono state inserite nuove clausole contrattuali: oltre alla fornitura degli aeromobili (il numero dovrebbe essere di nove esemplari del Block III AH-64E, più la conversione di circa otto elicotteri AH-64D allo standard "E") Boeing dovrà offrire il supporto logistico integrato di velivoli Apache, la garanzia del prodotto e gli istruttori di Longbow Crew per i piloti.

I velivoli saranno assemblati e/o convertiti negli stabilimenti di Mesa, in Arizona, con una data di completamento stimata entro 31 dicembre 2024, Boeing ha effettuato più di 2.200 consegne di elicotteri d'attacco Apache AH-64 negli Stati Uniti e in altri paesi come Egitto, Grecia, India, Indonesia, Giappone, Corea, Kuwait, Paesi Bassi, Qatar, Arabia Saudita, Singapore, Emirati Arabi e Regno Unito.

L'elicottero d'attacco AH-64E è l'ultima versione dell'AH-64 , utilizzata dall'esercito statunitense, fino al 2012 è stato designato come AH-64D Block III, oggi è noto con la designazione Apache Guardian.



 Il nuovo Apache

senza ombra di dubbio e i numeri delle esportazioni lo dimostrano, è uno dei migliori elicotteri d'attacco mai costruiti,  il successore del Bell AH-1 Cobra, Fu progettato dalla Hughes Helicopters per soddisfare i requisiti del programma  Advanced Attack Helicopter del 1972 varato dall'US Army.

La McDonnell Douglas acquisì la Hughes Helicopters e continuò lo sviluppo dell'AH-6 ottenendo l'AH-64D Apache Longbow.

Al termine di varie vicende societarie, il progetto è stato acquisito dalla Boeing Defense, Space & Security che ne continua la produzione sia per le esigenze statunitensi sia per l'esportazione verso altri paesi.

L'AH-46E verosimilmente possiamo considerarlo come l'elicottero d'attacco per antonomasia, con migliorie intrinseche a vantaggio delle prestazioni e delle capacità operative; i motori General Electric T700-GE-701D, sviluppano una potenza pari a 1.994 shp contro i 1.800 shp delle versioni precedenti.

L'AH-64E monta nuove pale del rotore in compositi, progettate per resistere a colpi di cannoni antiaerei da 23 mm. La velocità massima di questo elicottero è di  300 km / h.

Il Guardian verrà fornito con nuovi sensori, avionica e capacità operative notturne migliorate, inoltre l'elicottero AH-64E può controllare fino a due  UAV.


La cellulla è stata rinforzata, l'equipaggio formato sempre da pilota e cannoniere/addetto ai sistemi d'arma, siedono su una sorta di scudo che li protegge da colpi fino a 12,7 mentre altri sistemi da difesa sono garantiti da "disturbatori" per i missili antiaerei nemici, garantendo una notevolecapacità di sopravvivenza sia per l'equipaggio che per il velivolo stesso.

L'AH-64E è dotato di un cannone M230 da 30 mm con 1.200 colpi, 4 "hardpoint" sulle semiali sotto le quali i piloni possono alloggiare  una vasta gamma di armamento scelto in base al tipo di missione, esso comprende:
  • - Fino a 16 missili guidati anti-carro AGM-114R Hellfire 2
  • - fino a due AIM-9 Sidewinder .
  • - Quattro AIM-92 Stinger o quattro missili aria-aria Mistral .
  • - Due missili anti-radar AGM-122 Sidearm .
  • - Due rastrelliere con capacità di 19 razzi non guidati Hydra 70
Il Fire Control Radar di Longbow, (anche usato nella precedente variante AH-64D) , conferisce la possibilità di lanciare i GM-114R Hellfire-2 in modalità "fire-and-forget", altrimenti, il radar può rilevare, classificare e assegnare priorità a 12 bersagli contemporaneamente, e può vedere attraverso la nebbia o fumo.

Gli Stati Uniti hanno stabilito un accordo con Boeing per aggiornare un totale di 634 elicotteri AH-64D allo standard AH-64E. È previsto che altri 56 di nuova costruzione saranno acquistati. Le consegne delle macchine sono partite già dal 2011.
Autore: Ino Biondo
 
Fonti: Department Of Defense, Boeing, U.S. Army.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.

Post Top Ad

Condividi