Storia

Industria e Spazio

Airline e aviazione generale

Elicotteri

Post Top Ad

Un Su-30MKI ripreso durante il lancio del missile aria-aria Astra (foto:DRDO)
Martedì 17 settembre in una nota stampa il DRDO (Defense Research Development Organisation) ha reso pubbliche le immagini delle prove di lancio dei nuovi missili aria-aria BVR Astra di produzione indigena.

Per le prove è stato impiegato un caccia Sukhoi Su-30MKI di fabbricazione russa nella versione da esportazione per l'aeronautica indiana.

Il Missile Astra sviluppato dal DRDO è un sistema aria-aria dotato di guida inerziale metà percorso e Homing radar semi-attiva (SARH), capace di colpire obiettivi a 70Km dalla piattaforma di lancio.

Missile Astra (foto: DRDO)
Può puntare verso il suo obiettivo ad una velocità di oltre 5.555 chilometri all'ora (4,5 Mach) con una testata pre-frammentata altamente esplosiva da 15 kg.

"Il bersaglio aereo dal è stato colpito dimostrando accuratamente le capacità del primo missile aria-aria indigeno. E' stata una missione da manuale. Diversi radar, sistemi di tracciamento elettro-ottico (EOTS) e sensori hanno rintracciato il missile e confermato che l'obiettivo è stato perfettamente centrato".
Ha dichiarato Raksha Mantri Shri Rajnath Singh ministro della Difesa indiano.









Fonte: comunicato stampa DRDO/ Video di Hindustan Time

About Author


AeroStoria

Magazine di informazione e storia aeronautica.


1 commento:

Grazie per aver commentato.

Post Top Ad

Condividi