Storia

Industria e Spazio

Airline e aviazione generale

Elicotteri

Post Top Ad

BAE Systems

Lo aveva anticipato RID ed auspicato l'amministratore delegato di Leonardo Alessandro Profumo, ufficialmente l'Aeronautica Militare sostituirà i Typhoon con il caccia di sesta generazione Tempest.


Come abbiamo avuto modo di parlarne in varie occasioni, l'Italia era già dentro il programma o meglio nel Team Tempest con Leonardo uno dei partner che collaborano con il Ministero della Difesa britannico per fornire le tecnologie, le conoscenze e le competenze che consentiranno di sviluppare il futuro velivolo da combattimento.


Ma si trattava semplicemente di una partnership a livello industriale e soprattutto tecnologica, adesso è ufficiale, dopo la Svezia anche l’Italia aderisce al programma britannico Tempest per la costruzione di un caccia multi-ruolo di sesta generazione. ieri, a Londra, è stata firmata una dichiarazione d’intenti tra i direttori degli armamenti di Italia e Gran Bretagna. 

Il Memorandum of Intent, secondo a quanto appreso dal comunicato stampa del ministero della Difesa, è stato presentato in occasione del salone Dsei (Defence & security exhibition international), sono stati il generale Nicolo’ Falsaperna, Segretario generale della Difesa e direttore nazionale degli armamenti, e il suo omologo Simon Bollom a firmare il protocollo.



L'Aeronautica Militare e Royal Air Force che impiegano sistemi d'arma comuni, Eurofighter e F-35. Infatti, grazie alle esperienze derivanti dall'impiego di tali assetti e da una visione comune su dottrina, addestramento ed esperienza operativa, è stato registrato un forte allineamento di vedute in merito alle caratteristiche necessarie ad un sistema aereo di prossima generazione. A ciò si aggiunge la cinquantennale esperienza di collaborazione che le due Nazioni hanno maturato nello sviluppo e supporto di velivoli da combattimento con i programmi Panavia Tornado ed Eurofighter.
Si legge nel comunicato stampa del ministero della Difesa italiano.

Quando i Typhoon lasceranno il servizio nei primi anni del 2040, un nuovo sistema d'arma da difesa aerea dovrà sostituirli, il Team Tempest nei prossimi anni si occuperà, grazie alla collaborazione del governo britannico e dell'industria, dello sviluppo e della produzione del nuovo caccia di sesta generazione, entro la fine del 2020 si dovranno delineare le capacità intrinseche della nuova piattaforma, una decisione di investimento finale verrà presa entro il 2025 per garantire la consegna di una capacità operativa iniziale entro il 2035.




Fonte: MINISTERO DELLA DIFESA, Dsei (Defense & security exhibition international)

About Author


AeroStoria

Magazine di informazione e storia aeronautica.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.

Post Top Ad

Condividi