Storia

Industria e Spazio

Airline e aviazione generale

Elicotteri

Post Top Ad


Copertina e retro copertina con le splendide foto del libro di Salvo Fagone.
Durante il secondo conflitto mondiale, la ricognizione aerea, nelle sue più svariate forme: fotografica, strategica, tattica e armata, ha giocato un ruolo di primissimo piano. La Sicilia in questo ambito è stata terra di sperimentazione; inglesi, francesi, americani, tedeschi e italiani, hanno tutti utilizzato questo eccezionale mezzo di rilevazione per carpire in anticipo le strategie del nemico.

Questo volume racconta come sono andate veramente le cose, portando alla luce dettagli del tutto inediti, svelando il modo in cui l'intero percorso di guerra sulla Sicilia e sul Mediterraneo è stato realmente condizionato dalla ricognizione. Il servizio di Intelligence Ultra, inoltre, ha avuto un ruolo determinante, anticipando le mosse della Luftwaffe.

La posizione strategica dell'isola di Malta, infine, ha favorito indubbiamente gli Alleati; ma la domanda che ancora oggi molti si pongono, è perché tanta tenacia da uno scoglio di poco più di 319 chilometri quadrati. Un nemico senza dubbio più volte sottovalutato che è stato non solo capace di resistere con tenacia nei primi anni di guerra, ma di trasformarsi successivamente in un agguerrito rivale.

(352 pp. 119 illustrazioni)

About Author

AeroStoria

Magazine di informazione e storia aeronautica.
Follow:

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.

Post Top Ad

Condividi