Storia

Industria e Spazio

Airline e aviazione generale

Elicotteri

Post Top Ad


T-45 Goshawk, (fonte U.S.Navy)

Una nuova speranza per il Leonardo M-346?


Inizia la ricerca di un nuovo addestratore per i piloti della U.S.Navy, la richiesta di un sostituto del T-45 Goshhawk (versione altamente modificata dell'addestratore britannico BAe Hawk e costruito dalla McDonnell Douglas e dalla British Aerospace) è stata inserita nell'ambito del programma Undergraduate Jet Training System.

Secondo a quanto previsto dal programma, entro il 2028 la Naval Aviation dovrebbe dotarsi di una macchina adatta sia agli atterraggi terrestri che su portaerei nucleari.

L'USN è interessato a conoscere quali aeromobili attualmente in uso, possono integrare tecnologie avanzate, come la modalità di atterraggio di precisione (Precision Landing Mode), utilizzata sui Boeing F / A-18E / F Super Hornet e di un sistema automatico di prevenzione delle collisioni al suolo (automatic ground collision avoidance system).


Il trainer di prossima generazione dovrebbe volare 400 ore all'anno, L'USN vuole condurre pratiche di atterraggio ad un tasso annuale di 1.200 per aeromobile, ogni trainer dovrà eseguire atterraggi touch-and-go 45 volte l'anno, per una durata di volo di almeno 14.400 ore ed essere in grado di sostenere 43.200 atterraggi; altresì il velivolo dovrebbe avere la possibilità di raggiungere una quota massima operativa di 41.000 piedi ed essere in grado di velocità superiori a 600 kt (1.110 km / h).

Tra i concorrenti probabili nel programma di trainer di nuova generazione dell'USN vi è il Boeing-Saab T-7A, che ha vinto il concorso TX della US Air Force; T-50A di Lockheed Martin, basato sull'attacco leggero / trainer FA-50 sviluppato con Korea Aerospace Industries; e il T-100 di Leonardo, basato sull'M-346 dell'azienda italiana.




Fonti: Comunicato U.S.Navy

About Author

AeroStoria

Magazine di informazione e storia aeronautica.
Follow:

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.

Post Top Ad

Condividi